Fukumaneki_Laboratorio_01.jpg Fukumaneki_Laboratorio_02.jpg Fukumaneki_Laboratorio_03.jpg Fukumaneki_Laboratorio_04.jpg Fukumaneki_Laboratorio_06.jpg Fukumaneki_Laboratorio_07.jpg Fukumaneki_Laboratorio_08.jpg Fukumaneki_Laboratorio_09.jpg Fukumaneki_Laboratorio_10.jpg Fukumaneki_Laboratorio_13.jpg Fukumaneki_Laboratorio_14.jpg Fukumaneki_Laboratorio_15.jpg  

Creazioni

“Oggi le persone riconoscono negli oggetti d’eccellenza dell’artigianato  d’arte i simboli della propria personale individualità e cercano nell’atmosfera calda e familiare della bottega artigiana, non solo oggetti particolari unici, ma anche il contatto con l’autore stesso, la persona più capace di aiutarli nella scelta e nella interpretazione del valore emozionale dell’oggetto corrispondente alle loro attese. 

L’attività del consumatore ormai, non è più quella di soddisfare solo le necessità funzionali risolte dagli oggetti inanimati di design di massa che trova nei grandi centri commerciali. 

E’ alla ricerca di oggetti dotati di un’anima, capaci di soddisfare nuovi valori relativi al proprio essere individui unici con un proprio calore umano, una propria personalità e di cui l’opera di artigianato d’arte diventa testimone ed espressione..." 

Potrai personalizzare l’oggetto beneficiando del contatto diretto con il produttore in un ambiente tranquillo e confortevole.

 

Filosofia

La tecnica della cartapesta giapponese consiste nel sovrapporre strati successivi di carta, ammorbidita nell’acqua, alternati a colla. Nell’arte popolare giapponese venne molto utilizzata per la produzione di giocattoli a forma di animale.

I giocattoli che riproducevano uccelli, cani, tigri e scimmie erano ritenuti in grado di allontanare gli spiriti maligni.

Venivano acquistati dopo le funzioni religiose e regalati ai bambini perché considerati doni mandati dagli dei per proteggerli. Alcuni oggetti raffigurano eroi popolari cui sono collegati miti e leggende.

Una di queste leggende ha come protagonista un gatto che aiutò il padrone in difficoltà guadagnando soldi per lui.
L’animale è raffigurato nell’atto di chiamare a sé qualcuno ed è diventato un simbolo portafortuna o Fukumaneki che letteralmente significa “chiamare la fortuna”.

Silvia Bonomi utilizza carta riciclata e carta orientale molto pregiata. La carta riciclata, costituisce l‘anima dell’oggetto, la sua vera essenza.

La carta pregiata, realizzata a mano ancor oggi attraverso tecniche antiche in Nepal, Thailandia e India, costituisce l’ultimo strato: il vestito dell’oggetto.

La rifinitura è ottenuta sovrapponendo strati di carta differenti per colore e tipo ed inserendo fibre vegetali così da ottenere effetti inaspettati e originali.
L’incontro tra le fibre naturali e le carte pregiate dona all’oggetto un carattere unico.

Profilo

Nel 2000, incoraggiata da un amico, Silvia Bonomi inaugura il laboratorio artigianale in cui produce complementi d’arredo, scegliendo per esso il nome FUKUMANEKI, dal giapponese chiamare la fortuna.

Nel 2006 Fukumaneki riceve dalla regione Piemonte il marchio “Piemonte Eccellenza Artigiana” che certifica la perizia e la professionalità dell’impresa artigiana.

Nel 2008 Silvia partecipa al “9° PREMIO INTERNAZIONALE MIA-HUMANEWARE” classificandosi al terzo posto. Il PREMIO ha lo scopo di promuovere nel mondo l’immagine della qualità artistica, della tecnica, della creatività, dell’abilità manuale e della cultura professionale dei maestri artigiani italiani del complemento d’arredo.

Nel 2008 l’artista partecipa alla mostra itinerante “ TAU PERCORSI DI ARTIGIANATO E FEDE” con esposizioni a Torino – SERMIG, a Novara – Basilica di San Gaudenzio, e nell’aprile del 2009 a Villadossola – Chiesa del Piaggio inserita nell’ambito della rassegna “La fabbrica di carta” promossa dalla provincia di Verbania.
Molte sono le riviste in cui appaiono le sue creazioni: Brava Casa, Casaviva, Le idee di casamia, Tuttomilano (inserto di Repubblica), La stampa, Corriere di Novara, Comprare Zithromax, le riviste del gruppo Di Baio (editore specializzato in riviste d’arredamento). Ha partecipato con le sue opere alle trasmissioni Uno mattina (RAI 1) e Costume e società (Rai 2). Un articolo dedicato a Silvia Bonomi e alla lavorazione della cartapesta giapponese è stato pubblicato su Casaviva, Pagine Zen e su Zenworld.it



NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Iscriviti alla mia Newsletter